finanziamento scuole belle

Prende forma il piano per l’edilizia scolastica varata dal governo con i primi interventi di piccola manutenzione per il ripristino del decoro e della funzionalità degli edifici scolastici. Per rendere le ‘Scuole belle’ è previsto, sul 2014, un finanziamento di 150 milioni.

Si parte, i dirigenti scolastici possono effettuare ordini per interventi di piccola manutenzione (arredi compresi), e decoro delle funzionalità degli edifici per rendere, cosi come recita il titolo, le scuole più belle.

Per gli ordini si può fare ricorso alla piattaforma MePa o ricorrendo ai vecchi appalti dove quelli nuovi non sono ancora stati attivati.
Gli importi per finanziare il progetto “scuole belle” verrà versato direttamente alle scuole dal Miur.

Il maggior numero di istituzioni scolastiche coinvolte nell’anno in corso é previsto a Napoli – 860 su 1.776, circa un plesso su 2 – con un finanziamento di quasi 37 milioni.

Seguono Cosenza con 451 plessi scolastici (su 967) coinvolti nel 2014 (7,6 milioni di euro) e la Capitale: 322 plessi (su 1.887) con una somma a disposizione di 4,7 milioni.

Un bel pacchetto di interventi anche a Caserta dove si interverrà con lavori di manutenzione in 311 plessi (su 717) (12,5 milioni).
Si sfonda il tetto degli oltre 200 plessi scolastici interessati a Catanzaro (211), Reggio Calabria (273), Avellino (235), Frosinone (251), Torino (286), Bari (210), Foggia (221), Lecce (298), Cagliari (283).

Soltanto un plesso scolastico sarà coinvolto nell’operazione di “rammendo” nella provincia di Vicenza (su un numero totale di 535 scuole) e in quella di Viterbo (248 plessi in totale).

Lascia un Commento

Facebook